PRANOTERAPIA

La pranoterapia, oggi definita "Pranopratica", è una pratica curativa molto antica. La parola prana significa "soffio vitale" o "energia vitale". Serve a ricreare e rivitalizzare l' Energia di ogni essere vivente, dando modo al corpo di reagire alla malattia. E' una disciplina  strettamente legata alle filosofie orientali, secondo le quali, l'Energia Vitale è responsabile del mantenimento della salute.

Tutti abbiamo dentro di noi la possibilità di usare questa Energia, ma non tutti sviluppiamo la capacità di utilizzarla.

Il pranoterapeuta ha un' Energia vitale molto forte e, tramite le sue mani,  può aiutare gli altri a riequilibrare la loro vitalità migliorandone lo stato di salute (è importante sottolineare che non va a sostituire le cure mediche). Il suo campo elettromagnetico vitale essendo più potente della norma, riesce ad influenzare il corrispettivo del paziente, ottenendo modificazioni significative.

A differenza del Reiki, dove il reikista utilizza l'Energia Universale facendo da "canale" tra l'Energia Universale ed il paziente, nella pranoterapia l'operatore utilizza la propria Energia che, tramite le sue mani, viene trasmessa nel corpo del paziente, per questo poi l'operatore avrà bisogno di scaricarsi e quindi di ricaricarsi.

Inoltre, mentre nel Reiki entrambe le mani trasmettono Energia, nella pranoterapia spesso è solo la mano destra a farlo, la sinistra invece riceve l' Energia.

L'applicazione della Pranoterapia viene eseguita ponendo le mani sul corpo del paziente, su chakra e organi, ad una distanza di pochi centimetri.

 

Sono iscritta all' Associazione Professionale Operatori  Discipline Bionaturali.